BuragoViti sala controllo qualità
Fasteners: processi e strumenti del controllo qualità
04/07/2017
BuragoViti tracciabilità della vite
Tracciabilità fa rima con qualità
18/07/2017
Mostra tutti

Piccolissime viti per elettronica

BuragoViti elettronica

Fabbrica 4.0, IoT, elettronica di consumo. Un mondo tenuto insieme da piccolissime insostituibili viti.

Oggi parliamo di elettronica e quindi di viti per i prodotti dell’industria elettronica.

Prima di descrivere i caratteri salienti delle piccole viti che “tengono insieme” pc e smartphone (per citare i prodotti più noti),leggiamo questi dati:

  • GM, il maggior gruppo automobilistico americano, ha chiuso il 2015 con un fatturato di 152,4 miliardi di dollari. In GM lavorano circa 200 mila persone.
  • Nello stesso anno Apple ha fatturato 234 miliardi di dollari grazie al lavoro di 115 mila dipendenti.

In questa forbice è contenuto il passato e il futuro del mondo. Senza contare che molto del lavoro che si compie in GM come in qualsiasi altra azienda automotive, è compiuto da robot, macchine guidate da sistemi di intelligenza artificiale, ovvero la “fabbrica 4.0” basata sull’Internet of Things.

Processori per… processi sempre più evoluti quindi. Letteralmente tenuti insieme (i processori e in ultima analisi anche i processi) da migliaia di oggetti piccoli quanto preziosi: le viti per l’elettronica.

Ecco la “carta d’identità” delle piccole dive:

  • assolutamente e incredibilmente “precise”
  • di diametri di 1,5/1,6
  • con varie impronte
  • resistenti alle torsioni
  • con vari tipi di filetti

questi ultimi progettati per aggredire e serrare gusci in plastica o schede elettroniche, telecomandi per movimentazione, cellulari, componenti X Hi-fi, apparecchi micro e qualunque altro “oggetto” di micro-elettronica.

Domanda delle cento ghinee come scriveva Dumas nei “Tre moschettieri”. Come sono le macchine che producono le viti per l’elettronica? Le migliori in assoluto: le macchine che producono e filettano queste vitine lillipuziane sono incredibilmente precise e di ridotte dimensioni rispetto alle stampatrici e filettatrici tradizionali. Insomma, la vite “elettronica” è davvero un mondo a parte.